Passaggio sotterraneo scoperto dal Rover Curiosity su Marte – Le foto in anteprima

Curiosity
Print Friendly

Una spettacolare quanto misteriosa immagine è stata scoperta nella giornata del 18 Novembre 2014 dal rover Curiosity della NASA. Nell’ ultima immagine inviata dalla sonda sul pianeta rosso si nota un evidente anomalia registrata durante lo scatto fotografico. L’attenzione va immediatamente a una porzione di foto chiaramente alterata che è riconducibile ad una sorta di “galleria o passaggio” presente sul suolo marziano.

nasa entrata

Immagine originale ad alta risoluzione:http://mars.jpl.nasa.gov/msl-raw-images/proj/msl/redops/ods/surface/sol/00812/opgs/edr/ncam/NLB_469591470EDR_F0441546NCAM00256M_.JPG

Dalla foto inoltre possiamo notare come effettivamente la NASA abbia cercato di occultare quella che potrebbe essere considerata la madre di tutte le prove riguardanti l’esistenza di vita extraterrestre! Cosa vuole nascondere l’ente spaziale americano? L’evidenza di una costruzione artificiale o la presenza di vita extraterrestre?Oppure entrambi?

marte1

Come osserviamo dai filtraggi eseguiti dall’utente che ha scoperto l’immagine,nella presunta entrata si possono apprezzare quelle che sembrano essere vere e proprie strutture portanti con nodi alle estremità, all’interno della galleria stessa a definizione di un vero e proprio passaggio presente nel sottosuolo.

passaggio filtro marte

 

passaggio filtro marte 2

Un altro particolare invita ad un’attenta riflessione.L’impronta del rover che vediamo in basso sulla destra.Possiamo dedurre che l’impronta visibile sul suolo marziano sia stata lasciata da una delle due ruote di sinistra durante una retromarcia e non il contrario dato che oltre tale punto non sono visibili più tracce del passaggio del rover;ma perchè allora tornare sui propri passi e non scattare un istantanea da punto distante solo un metro e mezzo più avanti? Questo può significare una sola cosa!Il rover ha transitato fino al punto di cui si può osservare traccia per poi tornare sui suoi passi e scattare una bella istantanea dell’incredibile scoperta!!

Considerando poi il ritardo tra i segnali inviati dalla terra al rover e viceversa in relazione alla velocità della luce, tutto ciò che abbiamo detto sembra plausibile o quantomeno degno di un ragionevole dubbio e di un’accurata riflessione.

Ci troviamo di fronte all’ennesimo tentativo della NASA di occultare qualsivoglia prova a sostegno di costruzioni artificiali sul pianeta rosso?

Charles-Bolden

Sicuramente nei giorni scorsi (9 ottobre 2014) c’è stata un apertura ufficiale da parte del direttore della NASA, Charlie Bolden il quale ha dichiarato:

“Marte è molto simile alla Terra, o perlomeno era molto simile alla Terra. È un pianeta… fratello della Terra. È il pianeta del nostro sistema solare che più probabilmente ha ospitato vita in passato, potrebbe ospitare vita adesso, e pensiamo possa certamente sostenere la vita… Per cui… per cui questa è la ragione per la quale l’abbiamo scelto..”

Tali affermazioni oggi come non mai sembrano comprovate dalle numerose immagini che ci giungono di continuo dallo spazio e dall’esplorazione di altri corpi celesti; che il rilascio graduale di queste immagini e di queste dichiarazioni sia parte di un programma di sensibilizzazione dell’essere umano finalizzato alla presa di coscienza riguardo la presenza e l’esistenza di vita extraterrestre?Noi crediamo che sia proprio così!

Articolo a cura di evidenzaliena

4,399 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*