Interazioni con alieni:la storia incredibile di Robert, ospitato in una base segreta ET nell’Himalaya

alein-races-4
Print Friendly

Da buon giornalista devo sempre esporre una notizia solo dopo aver la conferma da almeno tre fonti indipendenti. Almeno questo ci hanno insegnato alla scuola della BBC. Come sempre quello che viene imparato a scuola certe volte non lo si può mettere in pratica nella vita quotidiana. Nell’ufologia anzi,  diventa impossibile in certi casi, allora devi decidere se una storia “regge” o no e la devi paragonare con fatti o situazioni simili.

Qualche volta neanche questo e’ possibile. Però la realta’ batte sempre e supera anche la fantascienza. In seguito alla lettura della storia seguente, mi sono fatto delle opinioni ma nascono domande alle quali e’ molto difficile dare una risposta. Non voglio presentare nessuna opinione sull’accaduto e preferisco lasciarvi indagare da soli anche se il rischio di una “bufala” e’ sempre presente. Mi affido al buon senso del lettore e a quello degli ufologi Colin Andrews e Georges Metz.

Il materiale che troverete qua sotto e stato pubblicato dal noto ufologo Colin Andrews sulla sua pagina di internet :http://colinandrews.net/UFOs-FrenchFarmer-TakenByAgreement.html

La storia di un fatto strano, accaduto in Francia del lontano 1968 ma solo nel 2005 è venuto alla luce durante un congresso di ufologia, ma e’ stato anche raccontato nel libro “Ovnis en France” (Gli UFO in Francia), 2012 di Georges Metz pubblicato da Editions Interkeltia, France .

Non avendo il libro originale,  ho cercato anche altre fonti e come sempre in Europa, l’unico documentario televisivo realizzato dai francesi collaborando con Georges Metz, è sparito dall’unico link che era presente su internet, nel sito web del ricercatore Colin Andrews, a cui ho inviato una email per sapere di più su questa storia. Colin mi ha riferito che lui si sarebbe interessato ancor di più a questa faccenda, ma non aveva da aggiungere altro oltre a quello pubblicato sulle sue pagine web. Infine la storia e’ questa:

Robert L. rompe il silenzio imposto dagli alieni dopo 40 anni  – Aveyron-Francia 1966

Per mesi una fattoria nel sud della Francia è stata oggetto di visite Aliene. Molte Sfere di luce facevano la loro comparsa di sera e circondavano la casa di Robert L. un giovane (allora) di 20 anni, che viveva con i suoi genitori e la nonna.

Grandi sfere di luce si muovevano sul terreno, apparentemente spegnendosi e riaccendendosi, per poi unirsi con un oggetto a forma di proiettile gigante che era in posizione verticale. Le luci sembravano essere intelligenti.

France-UFO-2-361x236

Una sera il giovane uomo, esasperato, ha tentato di seguire una sfera di luce con la sua auto. L’inseguimento durò per più di 3 kilometri e Robert è stato in grado di raggiungere la sfera, ma subito dopo l’autovettura si è rotta. Un oggetto volante era apparso e la temperatura è aumentata. Un “disco volante” con due cupole scese a terra e Robert ha visto due figure all’interno. Poi ha perso conoscenza.  Nei giorni successivi,  Robert è stato sopraffatto dalla fatica e aveva incubi. Per tre mesi dormiva per venti ore al giorno.

 Le visite 1966-1968

Per due anni Robert ha ricevuto numerose visite degli ET nella sua camera da letto durante la notte. Entità extraterrestri passavano attraverso le pareti e circondavano il suo letto. Robert era paralizzato.  I visitatori erano alti, biondi e sottili con delle lunghe braccia. Erano vestiti di tute attillate, con riflessi metallici, aperte al collo e polsi, ed una cintura larga.

aleinraces

Si presentarono come scienziati provenienti da un’altra galassia. Hanno preso un campione di sangue e gli hanno detto che erano interessati alla sua struttura genetica.  Nel corso dei successivi due anni, Robert si era mentalmente e fisicamente preparato attraverso queste visite e gli alieni lo hanno istruito in esercizi di tipo yoga e meditazione. Un uomo si è presentato come la “Guida” da lui soprannominato “Roro”. Questi alieni facevano parte di una Confederazione Galattica incaricata a mantenere la vita su pianeti abitati come la Terra.

Alla fine dei due anni di formazione notturna, è stato invitato ad accompagnarli alla loro base terrestre e per servire come donatore di materiale genetico per popolare un pianeta lontano. E ‘stato assicurato che tutto sarebbe andato bene e che non gli sarebbe mancato nulla.

Gennaio 1969- partenza per la base sotterranea in Himalaya

Una nave spaziale è venuta a prenderlo in un campo vicino alla sua fattoria. Era una grande nave piatta, lunga 20 metri circa, aveva una cupola centrale. Era rossa come il ferro incandescente e circondata da una nube giallo-arancio. E’ atterrata senza toccare terra. Una porta si aprì e la “Guida” lo accolse. La nave è decollata, senza alcun movimento rilevabile. Robert era preoccupato. La Guida gli mostrò la parete che era diventata trasparente e Robert vide ciò che penso’ fosse la citta’ di Marsiglia.

Erano ad un’altitudine di 40.000 metri. Il viaggio è durato meno di un’ora e sono arrivati ad una base sotterranea in Himalaya. Dopo una notte trascorsa in una stanza da letto con pareti arrotondate. A Robert  veniva servito un caffè che assaggiato era come se fatto da sua madre. Si è messo in dosso un abito simile a una tuta, fatta di un materiale aderente e morbido. Questo materiale era composto da una struttura in grado di modificarsi e rigenerarsi a contatto dei raggi magnetici.

Due donne si sono presentati: una come “biologa” e l’altra come “etnologa”. Nella stanza da letto c’era un dispositivo a forma di occhio che era una sorta di televisione 3-D dove poteva vedere e sentire tutto ciò che accadeva a casa sua e ascoltare le conversazioni dei suoi genitori.  Lo portarono in un tour nella grotta, che era in realtà una base a più piani, costruito oltre 1000 metri sotto terra.

France-UFO-3

La base era circondata da una cintura magnetica tripla che isolava e proteggeva la base da terremoti. C’erano numerose sale. Un ascensore si apriva su una piattaforma a cielo aperto dove poteva andare in serata, anche se era accompagnato.   Il terreno intorno era frastagliato con alte montagne innevate. La Guida ha dimostrato come potesse disintegrare un albero con un dispositivo sferico che portava con sé in ogni momento.

astronave aliena

Le astronavi accedevano alla base per mezzo di un tunnel che si snodava con un ingresso ad imbuto situato nel basso nella valle. Il tunnel si apriva su un hangar immenso dove si trovavano le navicelle spaziali e del personale.

Robert ha visto le navi che entravano da 30 metri di distanza. Gli è stato permesso di camminare all’interno della base, ad eccezione di alcune zone. Un giorno ha forzato l’ingresso nei locali dei settori nucleare, magnetici ed elettrici ed è stato spinto indietro di un muro invisibile.

base sull'Himalaya

La vita quotidiana nella base

Di Robert se ne stava curando la Biologa e questa gli spiegò gentilmente che doveva donare regolarmente dello sperma. L’operazione, destinata a popolare un pianeta, avveniva ogni due giorni. Ci sono stati colloqui tra la Guida e l’Etnologa sulle nostre civiltà della Terra.

Di particolare interesse è stato il nostro comportamento e di come abbiamo trattato il pianeta. Gli hanno dato molti consigli sulla salute fisica e mentale. Ha ricevuto regolarmente istruzioni yoga. Nonostante la loro politica di benevolenza e di non interferenza e il loro rispetto per la “libera volontà”, cautela sarebbe presa in considerazione per quanto riguarda i pericoli nucleari. In caso di conflitto nucleare, l’intervento era possibile. Robert ha osservato un ambiente di pace e armonia alla base. Gli occupanti sembravano dominare perfettamente il presente e il futuro. Tutto è stato pianificato nei minimi dettagli.

Ordine e disciplina sembrava essere il motto. Si diceva che gli extraterrestri erano di 20 mila anni avanti della nostra civiltà. Gli hanno spiegato l’Universo ed anche la comunicazione interstellare.

La riuniune della Federazione Galattica

Ad un certo punto la Biologa ha invitato Robert ad osservare una riunione. Gli e ‘stato ordinato di rimanere perfettamente tranquillo e semplicemente di osservare. La stanza era attrezzata con un grande tavolo ovale, e guardò sorpreso come uno ad uno degli ospiti di razze diverse hanno cominciato a materializzarsi intorno al tavolo. Le persone che apparse in 3-D hanno avuto discussioni con gli ospiti sul tema delle diverse stelle ed il movimento dei veicoli spaziali tra i pianeti. La Guida ha anche dato informazioni a Robert sul tempo e lo spazio e l’energia magnetica necessaria per viaggiare. La Guida gli disse che era in grado di vivere 4-500 anni,  prima di cambiare corpo, e che la morte non esisteva. L’unica cosa che contava era la perpetua evoluzione dell’anima. Il corpo era solo un contenitore.

Ottobre 1969- il jet francese

Durante il suo soggiorno in Himalaya, Robert è stato invitato a fare una gita in Francia a bordo di un veicolo spaziale. Sette persone erano a bordo fra le quali: la Guida, la Biologa, l’Etnologa, il capitano e due piloti. Era una navicella da caccia circolare, di 30 metri di diametro.

Ad un certo punto, un jet militare francese Mirage III, è apparso su uno schermo nella parete interna del veicolo spaziale. La navicella spaziale deviò sotto e accanto al jet francese, e Robert poteva vedere il pilota nella cabina di guida che ha girato la testa e guardava verso il veicolo spaziale. Robert poteva anche vedere il pilota ed il suo cruscotto su uno schermo, e riusci’ a discernere un numero di registrazione sul jet: FB. Indagini successive a partire dal 2005 hanno confermato la presenza del Mirage III identificato presso la base militare di Digione.

mirage iii

Il nome del pilota è stato notato per possibile testimonianza, ma non si e’ riuscito rintracciarlo. Ottobre 2005- rivelazioni presso la conferenza UFO europea.

La rivelazione di Robert L. durante la conferenza

Alla prima conferenza europea UFO in Châlonsen-Champagne (Francia) nel mese di ottobre del 2005, Robert ha rivelato la sua storia. La Guida gli aveva detto di tenere segreta la storia per 40 anni. Robert crede di avere un impianto alieno nella schiena. Durante la conferenza, un altro contattista con capacità paranormali, lo esamino’ e decise che c’era qualcosa che si muoveva sotto la pelle di Robert, emettendo una carica elettrica nelle mani del terapeuta al momento di un flash fotografico, seguita da una vibrazione intensa nella schiena. Robert non desidera rimuovere l’impianto.

France-UFO

Robert L. volontario per il progetto ET

Robert L. : “Una volta che abbiamo compiuto progressi sufficienti per andare sulla Luna, Marte e oltre, ci dobbiamo andare con la mente aperta senza alcun desiderio di conquista. La Guida mi ha detto che saremmo sotto sorveglianza e che se idee aggressive germinano nella mente degli astronauti, gli sarà impedito di svolgere il loro piano”

Dovete venire in pace, con sincerità, onestà e umiltà. Se non lo farete vi fermeremo.”

“Mi ricordo tutte le conversazioni che abbiamo avuto alla base. Abbiamo una lunga strada davanti a noi prima che possiamo liberarci dalla schiavitù, grande o piccola. Naturalmente, non dobbiamo respingere tutto, abbiamo bisogno di tenere ciò che sembra buono per noi. Noi non cambieremo il nostro modo di pensare così facilmente, che è spesso egoista ed egocentrico. La ricerca sugli UFO è una cosa buona. La mentalità generale ed i pareri sul tema stanno cambiando rapidamente. I segreti stanno cominciando ad aprirsi gradualmente. E ‘meglio andare lentamente e andare lontano. Quando la maggior parte del Popolo del pianeta sarà pronto, ci potrebbe essere una possibilità di incontro, disse la Guida

scritto e tradotto da Florin Chiriac
Segnidalcielo.it

6,428 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*