Astronomo:”Esiste un pianeta quattro volte la terra ai confini del sistema solare”

Nibiru-01
Print Friendly

L’astronomo Rodney Gomes: “Le distorsioni orbitali degli asteroidi situati oltre Plutone implicano l’esistenza di un misterioso pianeta”.

Nibiru-01

Le prove dell’esistenza di Planet X, il misterioso pianeta ipotizzato ai margini del nostro sistema solare, hanno preso una nuova svolta grazie alla matematica di un celebre astronomo.Rodney Gomes, astronomo presso l’Osservatorio Nazionale del Brasile a Rio de Janeiro, dice che le orbite irregolari di piccoli corpi ghiacciati situati oltre Nettuno implicano l’esistenza, intorno al nostro Sole ai confini del sistema solare, di un pianeta quattro volte le dimensioni della Terra.

L’esistenza del cosiddetto Pianeta X è stata ampiamente ipotizzata per circa un decennio, ma non è mai stata provata.Gomes ha misurato le orbite di 92 oggetti della fascia di Kuiper – piccoli corpi e pianeti nani – notando che 6 di loro sembravano essere fuori rotta rispetto alle loro normali orbite.Gomes ha detto agli astronomi dell’American Astronomical Society che la causa più probabile delle orbite irregolari, è una“Massa planetaria compagna del Sole”, un corpo celeste lontano, delle dimensioni di un pianeta, abbastanza potente da spostare gli oggetti della fascia di Kuiper.

Nibiru-02

Ha suggerito, inoltre, che il pianeta sarebbe quattro volte più grande della Terra, circa le dimensioni di Nettuno, situato a circa 225 miliardi di chilometri dal sole, ovvero, circa 1.500 volte oltre la Terra.Tuttavia, a causa dell’enorme distanza, sarà molto difficile per gli astronomi Earthbound intravedere l’ipotetico nuovo membro del nostro sistema solare.Anche il non-pianeta Plutone è difficile da individuare a causa delle distanze.

Rory Barnes, dell’Università di Washington, ha detto a National Geographic che Gomes “Ha stabilito un modo per determinare come un tale pianeta possa scolpire parti del nostro sistema solare.”

Hal Levison, del Southwest Research Institute of Boulder, Colorado, ha detto: “È sorprendente per me che un compagno del Sole, più piccolo di Nettuno, possa avere l’effetto che vede, ma sono sicuro che Rodney ha fatto i calcoli giusti.”

planetx-nasa

Il precedente nono pianeta, Plutone, è uno dei più grandi pianeti nani della fascia di Kuiper, ma la sua massa non è sufficiente per distorcere le orbite degli oggetti circostanti.Il nostro Sole, è una stella binaria? Il nostro Sole, ha un antico Fratello Celeste? Planet X, Nibiru e Nemesis, sono i nomi comuni per descrivere questa stella sconosciuta. La Nasa ha scoperto che il nostro sole ha un po più di oscillazione del previsto. Quest’oscillazione indica l’esistenza di una massa enorme, più massiccia di Giove, che gioca al tiro alla fune con il Sole.

Fonte
Articolo a cura di evidenzaliena

 

4,475 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*