Denunciano sostanza nociva per l’organismo umano nei vaccini, pagano con la vita 8 medici

medici-assassinati-nagalese-vaccini
Print Friendly

Dal 19 giugno ad oggi, in poche settimane, sono stati torvati morti 8 medici olistici negli Stati Uniti: Dr. Jeff Bradstreet [molto noto nella comunità dell’autismo], Dr. Bruce Hedendal, Dr.ssa Teresa A. Sievers, Dr.ssa Lisa Riley DO, Dr. Barone Holt, Dr. Ronald Schwartz, Dr. Nicholas Gonzalez e Dr. Jeffrey Whiteside.

medici-assassinati-nagalese-vaccini

Coincidenza o no – non spetta a noi giudicare – tutti quanti credevano nelle potenzialità della proteina GcMAF e tutti quanti – come leggerete più avanti – avevano subito pressioni e minacce dal braccio armato della FDA americana.>>

FDA

Infatti la FDA americana (“Food and Drug Administration”, l’agenzia del governo USA) aveva fatto visita agli 8 medici prima che questi venissero trovati morti. Secondo questi medici, la proteina nagalase sarebbe coinvolta nel causare molte forme di cancro, autismo, immunodepressione, Parkinson e molte altre malattie legate al deficit immunitario.

Infatti, la nagalase può trasformare il GcMAF [Fattore di attivazione dei macrofagi derivato dalla proteina Gc] in una forma inattiva che non può essere più utilizzata dal sistema immunitario come sostanza di segnalazione.

GcMAF sta per “Fattore di attivazione dei macrofagi derivato dalla proteina Gc”.Gc è una nomenclatura obsoleta per la DBP, ovvero la “vitamin D binding protein”. La DBP è responsabile del trasporto della vitamina D e, allo stesso tempo, viene utilizzata dalle cellule del sistema immunitario come sostanza di base per la produzione del GcMAF, un fattore che, analogamente agli interferoni, funge da sostanza di segnalazione interna per il sistema immunitario.

Il GcMAF innesca una catena di processi per attaccare le sostanze estranee penetrate nell’organismo, come virus, batteri, veleni ambientali [inclusi vaccini] o affrontare le modificazioni cancerogene della cellula, se viene indebolito, si indebolisce tutto il sistema immunitario rendendo vulnerabile l’organismo.

GUARDA IL VIDEO

Fonte

1,724 Visite totali, 3 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*