Ufo del diametro di 4 metri rinvenuto a Volgograd in Russia

ufovolgograd2
Print Friendly

Alcuni ricercatori si sono imbattuti recentemente in una scoperta alquanto sensazionale. Nella città di Volgograd in Russia è stato rinvenuto il 9 settembre 2015 un oggetto di forma discoidale del diametro di 4 metri, composto da materiale di pietra e coperto da uno strato biancastro di metallo duro che corrisponde dalle prime analisi a Tungsteno, lo stesso che è stato rinvenuto su alcuni siti di presunti ufo crash.

ufovolgograd2

La scoperta si deve alla spedizione denominata “Kosmopoisk”, che già in passato aveva scoperto oggetti dello stesso tipo però con diametro minore, che andavano da 1 a 2 metri massimo, non ha fatto altro che rimanere sbalordita davanti a quest’ultimo ritrovamento. Secondo gli ufologi non vi è dubbio che questo oggetto provenga dallo spazio. “Siamo riusciti a trovare una dozzina di questi oggetti” – afferma fiero il capo della spedizione Vadim Chernobrov – “tuttavia questo esemplare è unico nel suo genere”.

Il misterioso disco è stato analizzato e datato ad oltre un milione di anni. Controversa è anche la presenza di Tungsteno che gli esperti non riescono ancora a spiegare, per questo motivo sono previsti altri esami specifici. Il disco è stato portato nel museo di Zhirnovsky mentre la squadra tornerà al lavoro per cercare altri indizi sul luogo del ritrovamento.

volgogradufo

La città di Volgograd non è nuova per altro ad avvistamenti ufo e fenomeni alquanto insoliti, numerosi sono infatti le testimonianze video/fotografiche, (come documentiamo nel video sotto), di un’attività continua e costante sul territorio da parte di oggetti volanti non meglio identificati.

L’ultima scoperta non è altro in realtà che un altro pezzo del puzzle che riporta alla domanda: cosa sta succedendo a Volgograd?

GUARDA IL VIDEO

Fonte originaria
Articolo a cura di Evidenzaliena

 

4,851 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*